10 frasi celebri di italiani famosi

Standard

famosi italiani

L’Italia e gli italiani con la loro storia, la loro arte e la loro cultura hanno ispirato e continuano a ispirare tutto il mondo. Che si tratti di moda, cinema, cucina o design, gli italiani rappresentano da sempre un punto di riferimento.

Ecco perché oggi voglio presentarvi una lista con 10 frasi celebri pronunciate da italiani famosi che potrebbero aiutarvi a trovare la giusta ispirazione!

 

Alla mia età, ho incontrato tanta gente, ho sofferto e gioito, ma soprattutto ho imparato ad amare l’Amore, e a rifiutare l’odio. L’Amore dona a noi stessi l’eterna gioventù, e ogni domani è importante per incontrare nuova gente e vivere nuove storie importanti. – Leonardo Da Vinci

 

Le cose sono unite da legami invisibili. Non puoi cogliere un fiore senza turbare una stella.” – Galileo Galilei

 

Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita. Chi legge avrà vissuto 5000 anni. La letteratura è un’immortalità all’indietro.” – Umberto Eco

 

Non ho mai cercato di rimuovere i miei ricordi, neppure quelli più tristi. Non capisco le persone che si nascondono dal loro passato: ogni evento che hai vissuto ti aiuta ad essere la persona che sei oggi. – Sophia Loren

 

Finché l’uomo sfrutterà l’uomo, finché l’umanità sarà divisa in padroni e servi, non ci sarà né normalità né pace. La ragione di tutto il male del nostro tempo è qui.” – Pierpaolo Pasolini

 

Ridi sempre, ridi, fatti credere pazzo, ma mai triste. Ridi anche se ti sta crollando il mondo addosso, continua a sorridere. Ci sono persone che vivono per il tuo sorriso e altre che rosicheranno quando capiranno di non essere riuscite a spegnerlo.” –  Roberto Benigni

 

La vita non è uno spettacolo muto o in bianco e nero. È un arcobaleno inesauribile di colori, un concerto interminabile di rumori, un caos fantasmagorico di voci e di volti, di creature le cui azioni si intrecciano o si sovrappongono per tessere la catena di eventi che determinano il nostro personale destino.” – Oriana Fallaci

 

Penso che una vita spesa per la musica sia una vita spesa in bellezza ed è a ciò che io ho consacrato la mia vita.” – Luciano Pavarotti

 

Lo stile consiste nel corretto bilanciamento tra sapere chi sei, che cosa va bene per te e come vuoi sviluppare il tuo carattere. I vestiti diventano l’espressione di questo equilibrio.” – Giorgio Armani

 

Nella vita non bisogna mai rassegnarsi, arrendersi alla mediocrità, bisogna coltivare il coraggio di ribellarsi.” – Rita Levi Montalcini

Annunci

Un altro grande che se ne va…

Standard

Si è spento oggi Dario Fo, un’altra grande personalità della storia e della cultura italiana.

Dario Fo era attore, regista, scrittore, sceneggiatore, attivista politico e molto altro ancora… un uomo di cultura a tutto tondo, capace di arrivare al cuore della gente.

La sua fama internazionale si deve soprattutto al successo delle sue opere teatrali, rappresentative della Commedia dell’arte italiana, che lo hanno portato a vincere nel 1997 il Nobel per la letteratura.

La sua satira anticonformista, l’anticlericalismo e le forti critiche rivolte alle istituzioni lo hanno reso spesso un personaggio odiato dalle istituzioni e ad essere considerato un artista “scomodo”.

Ma la sua voce è stata, e rimarrà sempre, un punto di riferimento per tutti gli italiani che sono stati capaci di apprezzarlo…

dario-fo

 

 

Addio Maestro…

Standard

Come immagino che tutti voi saprete, due giorni fa si è spento a Milano uno dei più grandi intellettuali di tutti i tempi: Umberto Eco.

Saggista, scrittore, filosofo, linguista, studioso di semiotica, brillante giornalista e scrittore, autore di numerosi romanzi di grande successo, fra i quali il più famoso Il nome della rosa (1980), Umberto Eco è stato e sarà sempre un’icona del panorama intellettuale italiano.

Per ricordarlo voglio lasciarvi con una sua celebre frase che mi ha sempre colpito e alla quale sono molto affezionata:

eco

“Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5.000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… Perché la lettura è un’immortalità all’indietro”.

Fonte immagine: youreporter.it