Alfabeto telefonico: come fare lo spelling in italiano

Alfabeto telefonico: come fare lo spelling in italiano
Standard

Se vi trovate in Italia per lavoro, per frequentare l’Università o semplicemente per una vacanza, vi potrà capitare più volte di quanto possiate immaginare di dover fare lo spelling del vostro nome e cognome.

Può succedere, infatti, che prenotando un hotel, comunicando i vostri dati al telefono o compilando alcuni moduli, vi venga chiesto: come si scrive?

Se non volete farvi trovare impreparati, leggete questo articolo!

Oggi vi spiegherò come si fa lo spelling di una parola in italiano.

Continua a leggere

Annunci

Impara il congiuntivo… cantando!

Standard

Sapevate che… “Ogni secondo in italia vengono sbagliati 79 congiuntivi?

Questo è il messaggio che Lorenzo Baglioni ha voluto diffondere insieme al suo singolo intitolato “Il Congiuntivo”, una canzone che lo youtuber e cantante ha presentato al Festival di Sanremo.

Chi è Lorenzo Baglioni?

Nato a Grosseto nel 1986, Lorenzo Baglioni è un ragazzo italiano laureato in matematica che da tempo si è reso famoso su YouTube grazie alle sue “canzoni didattiche”: delle canzoni molto originali attraverso le quali cerca di spiegare in modo semplice e divertente la matematica, le scienze e… la grammatica italiana!

La canzone che l’ha reso più famoso è proprio “Il Congiuntivo” con la quale si è candidato alle “Nuove Proposte” durante il Festival di Sanremo 2018.

In questa canzone, Lorenzo racconta la storia di un ragazzo che sbaglia un congiuntivo mentre cerca di conquistare il cuore di una ragazza…

La canzone, oltre a essere molto orecchiabile, ci insegna a utilizzare il congiuntivo in modo corretto. Per questo vi consiglio di ascoltarla attentamente e di leggere il testo.

E come dice Lorenzo… “E adesso che lo sai anche tu, non lo sbagli più!” 😉

Il Congiuntivo – Lorenzo Baglioni

Che io sia

Che io fossi

Che io sia stato

Oh-oh-oh

Oggigiorno chi corteggia

Incontra sempre più difficoltà

Coi verbi al congiuntivo

Quindi è tempo di riaprire

Il manuale di grammatica

Che è, molto educativo

Gerundio imperativo

E infinito indicativo

Molti tempi e molte coniugazioni ma

Il congiuntivo ha un ruolo distintivo

E si usa per eventi

Che non sono reali

È relativo a ciò che è soggettivo

A differenza di altri modi verbali

E adesso che lo sai anche tu

Non lo sbagli più

Nel caso che il periodo sia della tipologia dell’irrealtà (si sa)

Ci vuole il congiuntivo

Tipo se tu avessi usato

Il congiuntivo trapassato

Con lei non sarebbe andata poi male

Condizionale

Segui la consecutio temporum

Il congiuntivo ha un ruolo distintivo

E si usa per eventi

Che non sono reali

È relativo a ciò che è soggettivo

A differenza di altri modi verbali

E adesso ripassiamo un po’ di verbi al congiuntivo

Che io sia (presente)

Che io fossi (imperfetto)

Che io sia stato (passato)

Che fossi stato (trapassato)

Che io abbia (presente)

Che io avessi (imperfetto)

Che abbia avuto (passato)

Che avessi avuto (trapassato)

Che io… sarei

Il congiuntivo

Come ti dicevo

Si usa in questo tipo di costrutto sintattico

Dubitativo e quasi riflessivo

Descritto dal seguente esempio didattico

E adesso che lo sai anche tu

Non lo sbagli più

Ti amo o ti voglio bene?

Standard

Nella maggior parte delle lingue, non esiste alcuna differenza nel modo di esprimere il sentimento dell’amore e quello dell’amicizia o dell’affetto.

In inglese, per esempio, si usa l’espressione “I love you” tanto se ci rivolgiamo a un nostro amico, ai nostri genitori o al nostro fidanzato.

In spagnolo, si dice, “te quiero”, in francese “je t’aime”… però dobbiamo stare molto attenti quando traduciamo questa frase in lingua italiana.

In pratica, ciò che dobbiamo fare è provare a “tradurre i nostri sentimenti” e trovare l’espressione italiana più adeguata per esprimerli. Quindi:

Ti amo o ti voglio bene?

Ognuna delle espressioni inglesi, spagnole o francesi che abbiamo visto, quando viene tradotta in italiano, può assumere due significati diversi a seconda del contesto e soprattutto del destinatario del nostro messaggio.

Continua a leggere

“La casa di carta” rende omaggio a una delle canzoni popolari italiane più belle di sempre

la casa di carta
Standard

La casa de papel” (nella sua traduzione italiana “La casa di carta”) è una serie TV spagnola ideata da Álex Pina e resa famosa grazie alla piattaforma Netflix, che nell’ultimo anno ha conquistato il cuore di milioni di telespettatori.

Sono sicura che molti voi l’hanno già vista (e tutti siamo in attesa della 3ª stagione!!) e che anche voi siete rimasti colpiti dalla bravura degli attori, dall’originalità della trama e, perché no, dalla bellissima canzone italiana che fa da sfondo a una delle scene più belle della serie (tranquilli, no spoiler!).

casa-di-carta-bella-ciao

Fonte: youtube.com

Sto parlando della celebre canzone popolare italiana “Bella ciao”, diventata famosa in tutto il mondo come simbolo di lotta per la libertà.

Ma quanti di voi sanno veramente quando e come nasce questa bellissima canzone? E quanti di voi conoscono il significato delle sue parole?

Vi racconto tutto in questo articolo!

Continua a leggere

Modi di dire: perché si dice “Il gioco non vale la candela?”

candela
Standard

Uno dei modi di dire più curiosi della lingua italiana è sicuramente “il gioco non vale la candela”. Scopriamo insieme cosa significa e qual è la sua origine.

L’espressione “il gioco non vale la candela” si utilizza per esprimere la propria incertezza o indecisione nel momento di compiere un gesto o di fare qualcosa perché non sappiamo quali risultati produrrà e se il nostro sacrificio davvero varrà la pena.

Per esempio, se io non sono sicura che il mio impegno nello studio o nel lavoro mi porterà i risultati che spero di ottenere posso chiedermi: “il gioco vale la candela?”.

Oppure, se qualcuno mi chiede di compiere un grosso sacrificio ma so che i miei sforzi saranno inutili posso affermare: “il gioco non vale la candela”.

Questa espressione idiomatica risale al Medioevo quando ancora non esisteva la luce elettrica e per giocare a carte era necessario accendere una candela. Spesso il costo della candela consumata per illuminare il tavolo dei giocatori superava l’importo della possibile vincita e dunque, giocare, non valeva il prezzo della candela.

giocatori-carte-candela

Una variante di questa espressione, più spesso utilizzata nella Svizzera italiana, è “il santo non vale la candela”. In questo caso, non valeva la pena accendere una candela in offerta a un santo incapace di compiere miracoli!

 

Se vuoi scoprire altri modi di dire in italiano clicca qui

I 10 luoghi (+1) imperdibili della Puglia

Standard

La regione della Puglia è una delle destinazioni più belle per trascorrere le vacanze estive. Oltre a grandi spiagge e a un mare cristallino, la Puglia offre tantissime altre attrazioni culturali e all’interno del suo territorio possiamo trovare degli edifici di una bellezza architettonica impressionante.

pugliaSituata nel “tacco dello stivale“, la Puglia fu per molti secoli terra di conquista in cui sono passate grandi civiltà, come testimoniano i resti preistorici, i parchi archeologici greci e romani o gli edifici e le chiese rinascimentali e barocche che si trovano nella regione.

Indubbiamente la Puglia, e in particolare il Salento, è la destinazione perfetta per una vacanza alla scoperta della storia e della gastronomia di questa meravigliosa zona d’Italia.

Per questo, ho selezionato per voi una lista con i luoghi più belli della Puglia.

1. Bari

Bari è il capoluogo della Puglia e una città davvero molto carina. Qui non può mancare una visita alla Basilica di San Nicola, una chiesa meta di turisti e pellegrini, famosa per conservare ancora oggi i resti del santo da cui deriva il mito di Babbo Natale. Sulla costa di Bari si trovano diverse torri medievali costruite per scopi difensivi contro i pirati saraceni, ma il più importante edificio è sicuramente il Castello Normanno-Svevo che risale al XII secolo.

bari.jpg

Fonte: vero4travel.com

Nel centro storico si possono ammirare imponenti edifici di stili diversi: il Palazzo dell’Acquedotto Pugliese, il Palazzo Mincuzzi, dallo stile eclettico, il Palazzo Fizzarotti, in stile veneziano, oltre a una serie di palazzi ottocenteschi. Dirigendovi verso il centro della città potrete approfittarne per gustare piatti tipici a base di pesce e la famosa pasta chiamata “orecchiette“.

orecchiette.jpg

Fonte: trulloarmonia.com

 

Numerosi sono anche i bar che offrono l’aperitivo accompagnato da “tarallucci” e “friselle” condite con pomodoro fresco.

2. Castel del Monte, Andria

È uno dei castelli più speciali della Puglia, famoso per la sua insolita forma ottagonale. La sua struttura geometrica rappresenta una rottura radicale con la tipica architettura gotica dei castelli, e proprio la sua forma speciale è stata fonte d’ispirazione per molti, come ad esempio per Umberto Eco nel suo celebre libro “Il nome della rosa”. Castel del Monte fu costruito nel XIII secolo per volere dell’imperatore romano Federico II. Il castello è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1996 ed è diventato uno dei più grandi enigmi dell’architettura antica. Il mistero, ancora irrisolto, è legato alla sua vera funzione: era un castello autentico? O un tempio astronomico? Le ipotesi suggeriscono che fosse un tempio usato per lo studio della scienza.

castel del monte

3. Alberobello, la città dei Trulli

Se volete vedere qualcosa di straordinario, non potete perdervi i famosi Trulli di Alberobello. I trulli sono piccole case costruite in pietra calcarea, con tetti dalla forma a cono. I trulli sono un eccezionale esempio di edifici realizzati con tecniche preistoriche e la maggior parte di loro è sopravvissuta quasi intatta fino ai giorni nostri. Il centro storico della località di Alberobello è interamente costituito da questi particolari edifici piramidali che lo rendono un luogo unico e famoso in tutto il mondo.

trulli-alberobello

Continua a leggere

Parole difficili: “Mica”

Standard

Una delle parole più difficili da capire e usare per uno studente straniero è sicuramente la parola “mica”.

Noi italiani la utilizziamo sempre, quindi sono sicura che ti sarà capitato di ascoltarla e forse ti sarai anche chiesto cosa significa.

Partiamo dall’origine: “mica” è un avverbio che deriva da una parola latina che significa “briciola di pane”.briciola-pane

Per estensione di questo significato, ovvero “piccolissima parte”, ha assunto oggi il significato di “per niente, affatto”. Continua a leggere